Hw e Sw sotto controllo con NetworkDiscovery

NetworkDiscovery, la soluzione di Pat per l’inventario e l’analisi delle risorse hardware, software e licensing di un’azienda, arriva alla versione 3.

NetworkDiscovery permette il controllo di tutto l’hardware e il software installato in azienda confrontando in maniera continuativa le licenze regolarmente acquistate.
La nuova release, integrata nativamente con la suite applicativa HelpdeskAdvanced, permette di arricchire e aggiornare in maniera regolare i dati relativi ai processi di gestione degli asset presenti nel repository Hda, mettendo in evidenza i dati che hanno subito variazioni.
Grazie a un wizard e a un’interfaccia grafica semplificata NetworkDiscovery, che non necessita alcuna installazione di client sui singoli pc aziendali, è in grado di esplorare i computer che utilizzano Windows, Mac e Linux.
La soluzione è in grado di verificare per ogni singola macchina le caratteristiche hardware e software, programmando e organizzando in maniera automatica il polling delle informazioni tramite la funzione Scheduler. I monitoraggi possono avvenire secondo diverse modalità di ricerca (attraverso il nome del dominio o un intervallo di indirizzo Ip, oppure con una ricerca focalizzata su hostname/Ip) e incorporano anche funzionalità di esportazione e reportistica supportando i più diffusi formati quali Excel, Pdf, Html, testo, Xlm e Jpeg.

La nuova versione di NetworkDiscovery vanta anche una nuova applicazione, NDAgent (NetworkDiscovery Remote Agent), pensata per risolvere le problematiche di scansione dei computer che sono quasi sempre disconnessi dalla rete aziendale e che possono connettersi in momenti non definiti, come ad esempio i computer portatili degli agenti commerciali, spesso fuori ufficio per appuntamenti.
L’applicazione è composta di due servizi, uno Web e uno Client, che comunicano tra loro permettendo così sia di scaricare la versione più aggiornata dell’agente di scansione sia di inviare i report quando necessario.